logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Non sono felice, mi sento vuota, tutto mi spaventa, tutto

--Tessa--


Età: 24

 

Salve,
mi chiamo Tessa ed ho da poco fatto 24 anni
La mia storia ha dell'incredibile se ci penso sembra la trama di un film però purtroppo è la mia vera vita.
All'età di 14 anni ho incontrato un ragazzo che da prima sembrava una brava persona, in realtà si è dimostrato l'opposto ricattandomi che o facevo quello che voleva o lui si sarebbe tolto la vita ed io da stupida sono sempre stata sotto ai suoi giochetti fino a quando non ho più retto e dalla disperazione (i miei credevano a lui e non ha me) io stessa ho cercato di togliermi la vita, ma per mia fortuna (o sfortuna) la cosa non è andata come avevo progettato.
2 anni dopo ho incontrato un altro ragazzo con cui ho condiviso una storia lunga 8 anni, interrotta poco tempo fa. La motivazione per cui le cose sono finite (o non finite) è vasta, beveva e non poco e quando lo faceva alzava le mani, mi trattava male come se fossi un oggetto senza sentimenti e fin che lo faceva che eravamo da soli mi andava anche bene, ma in pubblico no. Negli anni per essere sicuro che fossi di sua proprietà mi ha fatto perdere tutte le mie amicizie, lo sport che praticavo, i compagni di scuola, mi ha impedito di frequentare l'università e di fare un anno all'estero per imparare la lingua inglese. La cosa all'inizio non mi pesava, avevamo l'obbiettivo comune di creare una casa e far famiglia in brevi tempi, ma le cose sono degenerate e dopo vari tentativi per farlo cambiare ho mollato la presa e mi sono arresa lasciandolo, convinta che fosse la decisione giusta.
Mi era rimasto solo il sogno di fare una famiglia e lo ho visto sfumare davanti agli occhi.
Lo vedevo tutti i giorno, ogni sera, lo sentivo ad ogni ora, era parte integrante di me, indispensabile e nonostante il male che mi aveva fatto speravo che sarebbe tornato subito da me...e invece sono passati mesi.
Le vacanze le ho fatte chiusa in casa perchè non avevo nessuno con cui uscire, perchè non ho tutt'ora nessuno con cui uscire.
Da un mese a sta parte frequento un ragazzo conosciuto on line, rispetta praticamente tutte le caratteristiche di quello che cercavo sin da bambina, il principe azzurro, tutti pregi tranne uno, il fatto che non è presente come il ragazzo precedente.
A premessa fatta ( forse troppo lunga) mi trovo col dover aggiungere che, nonostante tutto, non sono felice, mi sento vuota, tutto mi spaventa, tutto...
il mio ex (quello degli 8 anni) ora è tornato alla carica, fa di tutto per riconquistarmi ed io in parte ci casco, lo vedo e lo sento (di nascosto da tutti perchè nessuno lo vuole più vedere e mi dicono che io devo fare lo stesso) e nello stesso tempo esco con il principe azzurro, quando me lo chiede lui perchè io sono troppo timida e spaventata per farlo (temo se ne vada e mi lasci sola).
Non riesco a reagire.
Ho 24 anni, non ho un obbiettivo nella vita, non ho nessun amico/a, passo le mie giornate chiusa in casa e al lavoro dove c'e solo gente sposata e con figli e non ho più voglia di vivere e lottare per andare avanti.
Non so più cosa fare.



>Gentile Tessa,
forse, dopo aver passato diversi anni in relazioni problematiche, dovrebbe cercare di dedicarsi a se stessa, di non aver fretta di buttarsi a capofitto in rapporti fusionali ed esclusivi, ma avere tempo per costruire nuovi rapporti di amicizia o collaborazione, magari in qualche attività extralavorativa. Crearsi, in altre parole, una sua nuova rete di sostegno che funzioni da terza alternativa fra la solitudine e i rapporti con carattere di dipendenza. Spesso è un cambiamento difficile solo nell’immaginazione, mentre sotto l’aspetto pratico si rivela più semplice del previsto.
Può anche esserle di aiuto un supporto psicologico per sbloccare alcune situazioni, un sostegno aperto e senza giudizio sarebbe sicuramente un elemento positivo. Se è di Milano ci contatti pure.
Cordiali saluti e buone cose,
Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.