logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Circa 4 mesi fa ho avuto un attacco di panico e ansia

--Vale--

Età: 24

Salve sono vale e ho 24 anni. Sono una persona di per sé ansiosa ed insicura e circa 4 mesi fa ho avuto un attacco di panico e ansia abbastanza forte. Da allora la mia vita è cambiata, non mi sento più la stessa persona di prima... successivamente dopo l'attacco sono sprofondata nell'apatia più totale, umore sempre a terra E soprattutto non vedevo più in modo chiaro il mio futuro...
Sono fidanzata da quasi 3 anni, Una relazione a distanza che non ho mai accettato al 100% ma che ho sopportato con tanta pazienza perché l'amore era molto molto forte. Gli ultimi periodi prima di questo attacco sono stati molto stressanti e in particolar modo col mio ragazzo poiché ormai tutto quello che faceva non mi stava piu bene..Se uscirà con gli amici, se stava a casa, se nom mi chiamava,se non rispondeva al telefono insomma ogni minima cosa io sbroccavo anche se mi rendo conto che lui in realtà non faceva nulla di male...anzi per me e per il mio brutto carattere si limitava abbastanza. In ogni caso pochi giorni prima di questo attacco ci vediamo per un weekend (ci vediamo un weekend massimo due al mese) e inizio a guardalo in modo diverso...l ansia cresce e mi pongo una domanda che non avrei mai voluto pormi: "lo amo ancora"?! Da li cataclisma... due giorni dopo attacco di panico e crisi di ansia.
D'allora abbiamo passato un estate orribile, sono andata per un mese e mezzo a casa sua ma non cambiò nulla...lui mi è stato e mi sta tutt ora vicino pur se io ancora non ho una risposta a questa domanda...non so più dove sbattere la testa. L'umore seppur migliorato rispetto a prima non è dei migliori...ogni tanto l ansia e ancora forte e ogni tanto piango all improvviso...non riesco a trattenermi. Ora lui è all estero e non ci vediamo già da un mese e mezzo.. non mi manca ma lo penso sempre...non sopporto stare al telefono o videochiamare cosa che prima avrei fatto h24. Però se penso di stargli vicino realmente e faccia a faccia non mi dispiace ma non ne sono euforica come prima. Il desiderio sessuale verso di lui non è scomparso...anzi.
A volte è come se non lo sopportassi anche se razionalmente non trovo alcun motivo. Non so come affrontare la cosa, vorrei tornare a stare bene come prima e a sentire l amore verso di lui come lo sentivo prima. Ho già avuto una cosa simile senza attacchi con il mio ex che alla fine ho lasciato perchè non lo desideravo più, non lo amavo più e lo vedevo immaturo.
Nel mio attuale ragazzo i difetti li vedo ma li ho sempre visti anche da innamorata folle e non mi disturbano e neanche ora se ci penso razionalmente. Sia fisicamente che caratterialmente è come l ho sempre desiderato....allora qual è il problema?! Perché non riesco a fare chiarezza in me?!?!
Premetto che anche a casa non ho un buon rapporto con i Miei che hanno una mentalità purtroppo antica... non mi piacciono alcune situazioni che purtroppo non posso cambiare.
Non so a cosa possa imputare questo mio malessere e il fatto di non riuscire a 4 mesi di distanza a fare chiarezza con me... spero possiate aiutarmi. Scusate se ho scritto in modo confuso...

 

>Cara Vale deve fare un po' di chiarezza in lei. Il fatto che sia una persona ansiosa con qualche eccesso che l'ha portata ad avere attacchi di panico non l'aiuta ad avere un certo equilibrio riguardo alla sua storia d'amore. Penso che potrebbe esserle utile parlare qualche volta con uno/a psicologa/o e vedere gli effetti di tale conversazione su di lei. Non ritengo che sarebbero inutili, magari non risolutivi, ma importanti nell'esternare una serie di disagi interni, saputi e non dichiarati. Segua il mio consiglio. Se vuole può chiamare anche me. Buone cose,

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.