logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Vivo con sempre più sofferenza il fatto che mia moglie abbia molte amicizie e io no...

--Alfredo--

Buongiorno,
sono un uomo di 42 anni  e scrivo per esporvi il mio problema. Sono sposato da dieci anni e ultimamente vivo con sempre più sofferenza il fatto che mia moglie abbia molte amicizie e io no. O meglio, io ho degli amici, con i quali mi vedo piuttosto regolarmente, faccio sport con loro, vado a bere qualcosa ogni tanto. E’ il tipo di rapporto ad essere diverso: lei sembra che abbia delle amicizie molto più strette, passa ore al telefono, spesso con altri uomini, tutti “suoi amici” , e quando io cerco di esprimere il mio disagio lei fa la comprensiva e un po’ si lagna del fatto che io sembro geloso. Mi dice, per esempio, “Ma dai, guarda che era solo tizio, amico di tizia, e mi stava raccontando delle loro vacanze della scorsa estate… Cosa c’è di male se chiacchiero con degli amici?”. Con questo non voglio dire che con me lei non parli, ma dal mio punto di vista è come se io mi sentissi solo senza di lei, avendo l’impressione che lei non lo sia senza di me. Il tutto ultimamente sta diventando una sorta di tunnel, perché non sono più un ragazzo, e ho paura che il mio modo di rapportarmi con gli altri, di costruire le mie amicizie, non sia adeguato.
Grazie

 

>Caro Sig.Alfredo
penso che lei dovrebbe chiarirsi un po' le idee sulla vicenda di sua moglie perchè mi pare bloccato.Ha fatto bene a scriverci perchè è un modo di cominciare a fare circolare la cosa.Continui a parlare  della faccenda con sua moglie e cerchi di comprendere maggiormente il fastidio che lei prova, quella che lei definisce la gelosia,per verificare se ci sono reali motivi di inquietudine e di poca sensibilità da parte di sua moglie nei suoi confronti o se la questione riguarda lei stesso, una certa insicurezza psicologica che emerge oggi in virtù di un gioco forse un po' troppo scanzonato e provocatorio della signora. Ci tenga informati e se lo desidera venga a fare qualche colloquio.Buone cose
 
Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.