logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Sono un uomo sposato da 7 anni e da 10 lavoro nello stesso posto di lavoro...

--Michele--

Buongiorno,
sono un uomo sposato da 7 anni e da 10 lavoro nello stesso posto di lavoro. Più o meno un paio di anni fa ho avuto una relazione con una mia collega, durata molto poco per mia volontà. Questa mia collega se l’era molto presa per il fatto che io non volessi mandare avanti la nostra “relazione clandestina” e da tempo fa di tutto per non lasciarmi vivere, esclusivamente sul posto di lavoro. Sono sempre oggetto di un mobbing molto sottile ma pesantissimo, anche perché lei è un po’ più alta in grado di me. Il fatto è che di tutto ciò non posso parlare con mia moglie, perché dovrei svelarle le motivazioni di questa storia. In pratica vivo chiuso nel mio segreto e nel non riuscire a dire a mia moglie la verità. Ho bisogno di parlarne con qualcuno, ma non me la sento nemmeno di dirlo ai nostri amici, quasi tutti in comune. Inoltre ho sempre più l’impressione di essere guardato male a lavoro, a causa delle situazioni svantaggiose che quella persona mi provoca. Non ce la faccio più. Voi cosa mi consigliate?

 
>Caro Michele,
le consiglio di andare a fare qualche colloquio con uno psicologo perché come lei stesso dice ha bisogno di parlare e di buttare fuori tutta la sua frustrazione e la sua rabbia. Mi raccomando non si chiuda in sé con il suo segreto, starebbe solo peggio. Parlarne con un professionista significa organizzare un pensiero su tutta la faccenda, approfondirla, significa molte volte chiarire e comprendere meglio le logiche e le trame comportamentali che hanno condotto e favorito la sensazione di non avere via di uscita. Ricordi che c’è sempre una soluzione, magari non immediata e alla portata dei nostri occhi perché bisogna costruirla. Per tale motivo il ricorso alla parola in una conversazione clinica è fondamentale per uno sguardo attento e scevro dal “raccontarsela” sui nostri problemi. Se vuole mi chiami. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.