logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Da qualche mese per riuscire a dormire bevo alcolici...

--Stefania--

Salve, sono una professionista di 35 anni, sposata e madre di una bambina di 4 anni. Da qualche mese per riuscire a dormire bevo alcolici prima di coricarmi. Era iniziata come una cosa innocente, ma col tempo la situazione sta peggiorando ed ogni tanto adesso bevo anche prima di uscire di casa. Mio marito non sa niente e io faccio di tutto perché non se ne accorga (mangio tonnellate di caramelle, mi lavo i denti di continuo, mi profumo esageratamente). Ma la situazione per me sta diventando insostenibile. Sono sempre stata la moglie e la mamma perfetta, sono io che “mando avanti la casa”, e non posso assolutamente permettere di tirare fuori un problema del genere. Cambierebbe tutto. Sarebbe un disastro. Perderei anche la fiducia in quanto mamma. Ho deciso di scrivervi per avere qualche consiglio, anche se dubito di poter andare da qualche parte per trovare un aiuto “fisico”, siccome dovrei fare tutto di nascosto, sempre per evitare che mio marito e la mia famiglia in generale (mio marito è molto legato ai miei genitori, e glielo direbbe) scoprano quella che sta diventando una mia vita parallela. Come posso fare??
Grazie

 

>Cara Stefania,
lei spiega molto bene la sua situazione. Innanzitutto, non si senta in colpa (che è appunto il contrario di “innocente”) per la sua situazione; chiunque attraversa prima o poi dei momenti di difficoltà. Il suo sentire di non poterlo dire a nessuno pone inevitabilmente la questione del rapporto con suo marito, che curiosamente vede come alleato dei suoi genitori e non di lei. Lei ha molta paura del fatto che un giudizio negativo da parte dei suoi familiari le faccia perdere la fiducia e il ruolo di mamma. Deve sicuramente parlarne con qualcuno, ha fatto molto bene a scriverci. Provi a parlarne con suo marito, e se proprio lo ritiene impossibile, non esiti a uscire di casa per cercare aiuto. Continui a scriverci se vuole, o venga a trovarci.
Distinti saluti,

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.