logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Mio figlio Marco, secondogenito, ha 22 anni, studia ingegneria da tre anni, ha superato solo due esami

--Giovanni--

Il mio nucleo familiare è composto da tre figli e una moglie. Mio figlio Marco, secondogenito, ha 22 anni, studia ingegneria da tre anni, ha superato solo due esami. E’ molto intelligente ma non studia mai. Lamenta insoddisfacenti rapporti con il padre, specialmente da piccolo, e una recente relazione sentimentale conclusasi male. In casa è chiuso nella sua stanza, collegato ad internet, per vedere film ed altro. Dice che non ha voglia né di studiare né di cercarsi un lavoro, ammette di non stare bene. Nel consultorio familiare locale ha incontrato uno psicologo due volte fino ad ora. Come possiamo aiutarlo? Cordiali saluti.


>Caro Sig. Giovanni,

La cosa importante è che suo figlio stia andando a parlare con uno psicologo, va assolutamente sostenuto in questa sua iniziativa.

La situazione da lei brevemente esposta può riferirsi a una condizione post-adolescenziale piuttosto comune (un periodo che per molti giovani è sicuramente difficile: la passata scelta universitaria, gli interrogativi sul futuro, la ricerca di un senso in quello che si fa..) oppure può rappresentare uno stato di disagio con tratti più spiccatamente patologici. Ovviamente non abbiamo dati sufficienti per distinguere, ma sarebbe utile innanzitutto comprendere le modalità in cui vostro figlio ha comunicato a voi le sue lamentele (direttamente, implicitamente, attraverso altre persone..?), come si comporta con le persone della famiglia e con gli altri, per cercare di fare un punto sulla situazione. Rimane il fatto che suo figlio è consapevole di non stare bene. La famiglia come ogni famiglia che faccia funzioni di famiglia deve riuscire a creare canali comunicativi tra i diversi membri della medesima. Mi ha onestamente incuriosito il fatto che lei parli del padre in terza persona. Mi scusi, forse non ho inteso. Lei Sig. Giovanni è il padre di colui che in questa sua richiesta che ci ha fatto pervenire chiama “figlio”? Se sì, come penso, perché enuncia che lamenta insoddisfacenti rapporti con il padre e non formula la cosa dicendo che lamenta insoddisfacenti rapporti “con me” ? Perché parla appunto del padre in terza persona e non dice “me”? Perché si scorpora dal padre? Sarebbe interessante che lei riflettesse su tali considerazioni e se vuole rispondesse in merito.

Distinti saluti,

dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.