logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Da quando sono rientrata la mia famiglia mi tratta come se non esistessi

--Gaia--

Gentile dottore,la mia domanda è molto semplice.Sono andata via dalla mia famiglia d'origine 11 anni fa per costruirmene una tutta mia lotano a Milano. Da 2 anni sono separata e sono rientrata nella mia città:Bari. Al mio rientro pensavo che la mia famiglia si stringesse a me,come quando ero a casa con loro. Invece da quando sono rientrata la mia famiglia mi tratta come se non esistessi ed i miei fratelli sono così affiatati tra di loro che mi considerano una sorella solo anagraficamente. Anche se ho una famiglia mia soffro terribilmente per tutt ciò e mi domando se la mia è una specie di "sindrome o dipendenza dalla famiglia d'origine". Premetto che la mia famiglia si comporta così dalla mia separazione,intrattenendo relazioni fitte col mio ex marito. Sto molto male perchè mi sento senza radici,senza un appoggio morale....perchè sono trattata come un'estranea. Grazie


>Gentile Gaia,
è comprensibile che la situazione comporti per lei un certo disagio, anche per il fatto che la sua famiglia intrattenga più rapporti col suo ex marito che con lei. Bisognerebbe sapere qualcosa in più sulla storia della sua famiglia e sui vostri rapporti, come hanno vissuto il suo allontanamento e magari le motivazioni che hanno spinto lei ad allontanarsi, ecc.
Non ci devono essere necessariamente “sindromi” o “dipendenze” specifiche, anche se talvolta l’essere categorizzati dà una certa sicurezza a livello identitario; ci sono invece più spesso persone che soffrono per motivi precisi e per situazioni e storie ben precise, magari non ancora ben inquadrate. Spero di aver risposto alla sua domanda. Saluti,

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.