logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

E' sbagliato il mio modo di fare?

--Giovanna--

sono una donna di 32 anni.

Andrò nel nocciolo delle cose e sintetizzerò tutto: fin da piccola sono stata una persona molto ansiosa.

All'età di 20 anni ho avuto il mio primo attacco di panico, ma in realtà i miei attacchi di panico, ad oggi, sono stati ben pochi (5 o 6 in tutto) e "solo" una volta (ringraziando il Cielo) ho avuto un attacco di panico "esemplare", dove ho perso il controllo totale di me stessa: non vedevo più niente intorno a me, il cuore batteva fortissimo, pensavo di morire...avevo 24 anni.

Sono stata per 2 anni in cura da uno psicoterapeuta e ho imparato ad "arrabbiarmi": mi sono accorta che non facevo valere abbastanza le mie ragioni.

Da allora ho pensato: o vivo io o vive chi mi "odia"! Ho scelto di vivere io! Bene: ho messo in pratica piano piano quello che mi è stato suggerito e ho notato che effettivamente sono stata molto meglio e ho imparato a difendermi, anche se non sono "eccelsa nel farlo".

Pochi giorni fa, infatti, mi sono accorta che ci sono dei limiti "imposti dalla società" e che "bisogna rispettare"!

E' successo che sul lavoro mi si voleva negare un diritto e, dopo l'estate schifosa che ho passato a lavorare, dopo che ho trascurato mio marito, la mia casa, tutti i miei familiari (me stessa prima di tutti), dopo che sono stata tanto precisa, tanto corretta, tanto meticolosa, ecc., mi sono vista negare un diritto. A quel punto, pensando a queste cose, mi sono agitata col "capo", il quale non voleva sentire ragioni e non se ne importa di noi dipendenti. Così mi sono ritrovata a sentire i miei colleghi dirmi che stavo sbagliando e che è inutile il mio comportamento.

In fondo qua, credo, non sono io a sbagliare ma il mio comportamento è dovuto al manifestarsi di ingiustizie (anche quando ero bambina i motivi erano gli stessi).

Sono fatta male: anche se vedo qualcun'altro in difficoltà ed è dalla parte della ragione, io, per quello che posso, lo difendo.

E' sbagliato il mio modo di fare?

Come posso imparare a contare fino a 3 prima di reagire? (Premetto che non sono aggressiva nè verbalmente, nè fisicamente, ma solo mi agito e alzo la voce).

Come? Ogni volta che devo superare "un esame", mi tocca pensare a come dovrei comportarmi nell'eventualità si dovesse presentare una ingiustizia? Come faccio a prevedere una ingiustizia se sono certa che le cose vadano bene?

Inoltre preciso che non è che mi agito per nulla, ma solo se i motivi sono seri!

Grazie a chi potrà rispondermi.

 

>Gentile Giovanna,

in linea di principio il suo modo di fare non è “sbagliato”, anzi.

Tuttavia mi è difficile poter esprimere un parere senza avere dei dettagli aggiuntivi in merito al formarsi in lei di queste reazioni. È possibile che la sua storia personale – in particolare le dinamiche attraverso cui ha compreso i suoi attacchi di panico – l’abbia resa più “sensibile” a quelle situazioni in cui viene inibita una reazione emotiva di fronte a una scorrettezza. Ancora più in generale, sulle questioni etiche o morali è certo che troverà sempre qualcuno che non la pensa come lei. È possibile che, seppure lei riconosca razionalmente la legittimità delle sue reazioni, ci sia ancora una parte di lei che le “giudica” inappropriate.

Con questo non voglio dire che sia corretto dare sfogo in ogni caso alle proprie reazioni emotive (e può darsi che i suoi colleghi si riferissero a questo tipo di comportamento); piuttosto risulta importante riconoscerle ed accettarle al fine di poter mediare fra esse e “i limiti imposti dalla società” in modo più sereno e meno accusatorio nei confronti di se stessa.

Ci scriva ancora se vuole, cordiali saluti,

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.