logo cdp

domande pubbliche 01

Vuoi porre anche tu una domanda? > CLICCA QUI

Il servizio di domande e risposte pubbliche è gratuito.

Porre le proprie domande in questa sezione può essere molto utile per gli altri utenti del sito, che riconoscendosi nelle stesse problematiche potranno trovare delle risposte ai loro interrogativi.

Le domande vengono pubblicate anche nella pagina Facebook

-- Nota per gli utenti che inviano domande: se nei testi delle domande sono presenti informazioni che possano permettere di identificare altre persone, domande e risposte non verranno pubblicate --

Mia mamma non sa cosa fare, se cacciarlo o meno

--Anonimous2013--

Buongiorno,
Ho quasi 20 anni e ho una situazione familiare pessima sia dal punto di vista economico che da un punto di visto relazionale. Tutto è iniziato qualche anno fa, quando mio padre venne licenziato (faceva l'operaio edile): sia io che mia madre facemmo il possibile per trovare un lavoro a mio padre di qualsiasi tipo aiutandoci con annunci internet e altri strumenti. Fino a quando un giorno trovammo una soluzione: un amico di mio padre gli offri un posto di lavoro come guardia giurata presso una ditta privata. Mio padre ottenne il "lavoro" (50% di stipendio mensile da due anni) e da quel momento le cose non si aggiustarono, anzi.. Mio padre è ignorante in tutto e per tutto, è cresciuto per strada e a stento è arrivato alla scuola media, quando parla a volte fa dei ragionamenti proprio assurdi, ha un ossessione per l'ordine. Da quando lavora come guardia giurata si è completamente montato la testa credendosi chissà chi. Arriva a casa e sta a telefono con colleghi, pensa solo ed esclusivamente al lavoro, è stressato perché gli stipendi arrivano la metà e sempre in ritardo. La cosa tremenda arriva adesso: ho iniziato a vedere dei comportamenti strani (chiudersi a chiave in bagno, assente in casa oltre al lavoro ecc..). Da qualche mese, con le mie abilità informatiche, ho scoperto che si sente con una donna. Ne abbiamo parlato un mesetto fa e lui si è "giustificato" (non c'è giustificazione al tradimento) dicendo che questa donna ha problemi col marito e lui funge da ausilio morale, poi aggiunse che da quel momento avrebbe fatto di tutto per troncare la situazione. Io e mia madre (ho anche una sorella più piccola di 4 anni) lo abbiamo perdonato. Il giorno seguente ci disse che tutto era stato risolto. Da quel momento ha iniziato a comportarsi in modo strano: alternava momenti di affetto assoluto verso mia madre (non lo faceva nemmeno quand'era operaio) ad altri momenti di assoluta riservatezza. Oggi mia madre, per puro caso, ha trovato la risposta: per sbaglio il cellulare di mio padre ha chiamato sul numero di mia madre e ha sentito mio padre parlare con una donna. Dopo aver ascoltato tutta la conversazione abbiamo scoperto che si è anche visto con questa donna (lui sosteneva che si sentivano solamente) e che tutte le volte che tardava a lavoro era per stare con lei. Per farla breve abbiamo collegato tutti i suoi momenti strani con questa donna. Mia mamma non sa cosa fare, se cacciarlo o meno.. un po a causa della famiglia, un po per la situazione economica. Lei si appoggia a me perché a livello di formazione sono il più istruito e sono il più maturo dei due figli. Lui è sempre mio padre e non mi passa per la mente di cacciarlo di casa, vorrei anche accettare la situazione ma con lui ho vissuto 19 anni molto bene, capitemi è sempre mio padre. Ma allo stesso tempo non voglio perdonarlo. Lui continua a negare l'evidenza, mi sta chiamando in continuazione per spiegarmi che non è come sembra. Non sappiamo cosa fare.. escludo a priori una discussione pacifica, non perché la mia famiglia è violenta anzi, ma perché lui non sa ragionare.. Dateci qualche consiglio, per favore..


>Gentile Anonimous2013,
credo che questo problema vada risolto soprattutto fra i suoi genitori, in quanto si tratta della loro vita di coppia, senza che venga scaricato su di lei l’onere di decisioni come mandare suo padre fuori di casa e simili. Questo non esclude che lei possa liberamente decidere di avere un atteggiamento “neutrale” oppure “di parte”, ma l’importante è che non si sobbarchi di un ruolo decisionale che potrebbe ritorcersi contro di lei in futuro.
Ci scriva ancora se vuole, cordiali saluti,

Dott. Giovanni Castaldi

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.