logo cdp

2011/2012 Francesca

Elaborati prodotti durante il corso di Metodi e Tecniche dell'Arteterapia, tenutosi presso l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino, anno accademico 2011/2012.

Autrice:

Francesca

 

“L'ALTRO”

Chi è l’altro? Cosa rappresenta per me? Sono una ragazza molto socievole, adoro parlare con tutti quindi per me l’altro è indispensabile. Nel mio lavoro, l’altro è la mia metà. È la parte che manca per completare la mela, è un maschio e una donna che sono complementari, è un sole e una luna, quindi anche la parte opposta di me e infine l’altro è una mano bianca che stringe una nera, perché l’altro è anche la diversità che va accettata, quella parte mdi cui non possiamo farne a meno.
E anche questo lavoro, l’ho svolto a casa. Sì, è vero ho scritto che mi piace parlare con gli altri, ma di qualsiasi argomento tranne che di me stessa. Racconto di me solo a poche persone, solo a quelle con cui entro in confidenza, ma le cose intime, quelle più nascoste le tengo per me e non le dico a nessuno. Per me scrivere questo diario è importane, perché rileggendomi, posso capire cosa sbaglio nel mio comportamento e dove devo intervenire per correggermi. Forse a volte sono troppo severa con me stessa, ma l’autocritica è necessaria per rendere più forte la mia autostima, che spesso e volentieri tentenna. E così tappezzo la mia stanza di massime e proverbi che nei momenti di sconforto leggo e rileggo per farmi un lavaggio del cervello di quanto valgo e di quante cose posso raggiungere nella vita.

 

1 tn2 tn3 tn4 tn


“SESSUALITA'”
La lezione scorsa, ho fatto un bel passo avanti a sbloccarmi, peccato che oggi non sono riuscita a dire niente. Il professore mi ha anche chiesto se ho lavorato, ma io gli ho detto di no, invece il lavoro era già pronto, ma mi è mancato il coraggio di parlare. La sessualità è da sempre un argomento tabù per me, che mi mette in crisi. Mi sono imbarazzata io per le altre ragazze quando rispondevano a domande personali sulla loro sfera sessuale. È una cosa normalissima, è anche qualcosa di sano, che ci da benessere, ma io la vivo in un modo un po’ particolare. Questo è il mio lavoro sulla sessualità. Adesso cerco di spiegarlo.
C’è una cicogna e un bambino dentro un cavolo. Sono due elementi un po’ ironici per spiegare la sessualità, ma se penso che fino a 12 anni non sapevo ancora come si concepivano i bambini, un po’ da ridere mi viene. Non so se è un riso nervoso, per sdrammatizzare visto che tutti mi hanno sempre preso in giro, o una risata autoironica, poiché mi prendo spesso gioco di me stessa.
Che dire? Sono nata in una famiglia del sud, dove sono stata allevata a pane e valori, uno dei valori più grandi è quello della Verginità. Nel mio lavoro c’è la Madonna e l’arcangelo Gabriele. La Madre di Dio ha concepito suo figlio senza peccato. La sessualità per me è sempre stata un po’ una colpa, qualcosa di cui non parlare, da evitare. Oggi la vivo in modo romantico, credo nel matrimonio, nel principe azzurro che mi porterà con sé e mi farà vivere una storia d’amore travolgente e stupenda, come nei film. Ecco spiegate le immagini di due teneri sposi e di un pancione di donna. L’anno scorso ero fidanzata con un ragazzo che credevo essere quello giusto per me. Ho sofferto molto quando lui è andato via, perché ho provato con lui emozioni nuove. Sessualità è qualcosa di molto intenso, anche il solo dormire insieme è bello, Il contatto che si instaura quando un corpo caldo dorme accanto al tuo, e lo senti respirare durante la notte, senti che si muove. Lo ripeto, la mia idea di sessualità è molto romantica. Anche se adesso mi è difficile pensare di dover ricominciare tutto da capo con un altro ragazzo, sono sicura che questo principe che tanto aspetto arriverà e con lui oltre ad un punto di riferimento, troverò anche il modo più tenero di vivere la mai sessualità.

Lavoro 1 tnLavoro 2 tnParticolare tn



“VIOLENZA”
Il mio lavoro sulla violenza è nato per caso. Avevo in mente un idea armonica e alla fine, ho trasformato la superfice in strappi, tagli e un fondo nero. Sono seduta al tavolo e non so se restare o andare via. Il prof ci chiede se abbiamo voglia di parlare poi guarda me e mi chiede se ho fatto il lavoro. Gli dico di sì e poi confesso di essere sempre “fuggita via” ogni volta che c’era da parlare con gli altri. Lui mi incoraggia ad aprirmi, All’inizio mi sentivo emozionata e anche un po’ intimorita. Poi le domande del prof mi hanno aiutato a sbloccarmi e ho iniziato a parlare a ruota libera. Ho raccontato di me, della mia isola, di quanto bene voglio ai miei genitori, del mio stato d’animo e del fatto che mi sento bimba… non la smettevo più di parlare. È stato un bel momento liberatorio, Alla fine mi sono sentita bene con me stessa, libera, svuotata dalla negatività. Sono tornata a casa con una sensazione di pace dei sensi. L’ho vissuta come un momento di catarsi : per la prima volta non ho solo ascoltato ho anche partecipato e detto la mia su tante cose.

particolare tnSrappi tn

 

 

 

Questi contenuti sono stati pubblicati con l'esplicito consenso da parte dell'autore.

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.