logo cdp

2011/2012 Martina

Elaborati prodotti durante il corso di Metodi e Tecniche dell'Arteterapia, tenutosi presso l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino, anno accademico 2011/2012.

Autrice:

Martina

“L'ALTRO”


L’altro come la scoperta dell’ignoto.
L’altro per me è qualcuno che non conosco, quindi un essere neutro, nero o bianco.
Ho deciso di rappresentare l’altro con una scatolina nera con all’interno dei fili colorati, simbolo dell’anima, quindi ciò che rappresenta internamente la persona, questi fili possono essere colorati e felici o scuri e tristi a seconda del soggetto.
Io sono una persona positiva quindi nel mio cubo ho inserito fili colorati, in quanto cerco sempre di vedere il buono e il positivo in ogni persona.
Il cubo ha solo delle fessure attraverso le quali si può vedere al suo interno, ed è l’unica via x arrivare a conoscere la persona, x arrivarci bisogna “girarci intorno”,di conseguenza bisogna provare una certa curiosità e simpatia verso l’altro.

altro 01altro 02altro 03altro 04

“SESSUALITA'”


Un fiore, precisamente una calla, simbolo della purezza.
Per me la sessualità è come lo sbocciare di un fiore, tutto è nuovo e fantastico, puro. Il fiore è un’oggetto allo stesso tempo anche fragile e bisogna trattarlo con delicatezza. Il fiore può essere anche un dono umile che lo si concede a una persona particolare a cui si tiene e per questo al fondo, ho legato un fiocco rosso simbolo di amore e sentimento. Questo per me è la sessualità.

sessualita 01sessualita 02sessualita 03



“VIOLENZA”


Ho deciso di rappresentare due tipi di violenza: la violenza fisica e la violenza verbale.

La violenza fisica l’ho rappresentata attraverso un collage di giornali su un cartoncino. I pezzi di giornale stropicciati rappresentano una casetta e un albero, classica situazione apparentemente felice, tranquilla e semplice, ma leggendo si possono notare articoli di cronaca, casi di violenza, omicidi e stupri. Spesso quello che sembra un posto, una famiglia, o una situazione felice non lo è, la violenza purtroppo si nasconde proprio dietro a queste cose e ce ne si accorge quando ormai è troppo tardi.

La violenza verbale l’ho rappresentata attraverso una serie di fotografie con primi piani di bambini.
Avvicinandosi si può notare che alcuni bambini, la maggior parte, hanno gli occhi tagliati. Spesso si dice che “gli occhi sono lo specchio dell’anima”…La violenza verbale non si può vedere attraverso graffi e traumi fisici, proprio per questo ho deciso di rappresentare questo tipo di violenza tagliando gli occhi come una ferita ,in quanto l’anima stessa è ferita.

violenza 01violenza 02violenza 03violenza 04violenza 05

 

 

Questi contenuti sono stati pubblicati con l'esplicito consenso da parte dell'autore.

Contatti

Dott. Giovanni Castaldi

Piazza Oberdan 2, 20129 Milano, (Porta Venezia M1). 
Telefono fisso: (+39) 02 295 314 68
Reperibilità cellulare: (+39) 348 58 49 549

info@psicologomilano.help

 

Oppure compila il modulo per essere richiamato/a

Non è necessario inserire il cognome
Digita correttamente il tuo numero di telefono, altrimenti non riusciremo a richiamarti
Ti contatteremo via email nel caso non riuscissimo a contattarti telefonicamente
E' possibile selezionare più di una fascia oraria
captcha
 
Colloqui psicologici via Skype

Colloqui via Skype

Servizio a pagamento

Domande allo psicologo

Domande e risposte

Servizio gratuito

Questo sito utilizza i cookie darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità. Continuando a navigare in questo sito, concordi con l'utilizzo dei cookie. Scopri di più sui cookie nella pagina informativa.